Fatturazione Elettronica

0 voti
1,019 visite

Fattura ricevuta per errore

Una PA riceve una fattura  a causa di un errore da parte del fornitore nella redazione della fattura stessa, che era destinata ad altro ente. La PA come deve comportarsi? Restituisce la fattura direttamente al fornitore o deve rifiutarla inviandola allo SDI? In quest'ultimo caso: con quale modalità?
quesito posto 6 Maggio 2015 in Fatturazione Elettronica da Nazzareno (140 punti)

1 Risposta

+2 voti
E' un chiaro caso in cui la PA deve rifiutare la fattura tramite SdI con una notifica di esito committente (entro 15 giorni dalla data di consegna della fattura)
risposta inviata 6 Maggio 2015 da Gianlazzaro Sanna (30,790 punti)
Grazie per la risposta e per l'immediatezza.
Ma il dilemma della PA in questione ha due aspetti:
1)  "come": la fattura è stata ricevuta via PEC e, a quanto pare, l'account mittente non è utilizzabile per l'invio dell'EC; a quale account spedirlo?
2) e con quale codice di rifiuto?
Gent.mo Gianlazzaro Sanna,
ho cercato di approfondire la cosa.
Ho dato un occhiata al documento "SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL’ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013
Versione 1.1" e, in particolare, alla struttura del file XML relativo all'EC:, dove il campo "Descrizione" viene indicato come opzionale: questo significa che la PA destinataria puo' rifiutare una fattura senza specificarne il motivo? O quest'ultimo puo', liberamente e discrezionalmente, essere indicato in un messaggio di accompagnamento della fattura rifiutata?
1) la comunicazione deve essere spedita dall’Amministrazione al medesimo indirizzo di PEC utilizzato dal SdI per la trasmissione
2) il codice di rifiuto è "EC02"
3) nel campo descrizione è sufficiente indicare "Destinatario errato" o qualcosa del genere. Non è un grande sforzo ed è di aiuto per il fornitore. Ritengo che il campo "descrizione" non sia considerato obbligatorio nel file xsd in quanto se l'esito è "accettazione" non ha molto inserire una descrizione. Non mi è chiaro invece il riferimento al "messaggio di accompagnamento"