Fatturazione Elettronica

+1 voto
1,400 visite

Gestori di pubblici servizi, esentati da FE?

Sul sito IndicePA, tutti i soggetti catalogati come "Gestori di pubblici servizi" (es. Poste Italiane, Consorzi di Bonifica, Società ambientali e multiservizi, SpA varie a partecipazione pubblica) sono privi di servizi di fatturazione elettronica. Sono quindi identificati da un codice IPA, ma non hanno codici ufficio.

Possiamo dunque assumere con certezza che per i Gestori di pubblici servizi registrati su IndicePa NON vi sia l'obbligo di emissione di fattura elettronica, e quindi si possa continuare a inviare a questi soggetti fattura cartacea, o vi è la remota possibilità che vi siano invece obblighi di emissione in elettronico verso soggetti di questo tipo e l'assenza di servizi di fatturazione elettronica sia semplicemente un caso di inadempienza?

 

Grazie...
quesito posto 28 Aprile 2015 in Fatturazione Elettronica da Alan Turing (360 punti)
modificato 28 Aprile 2015 da Eleonora Bove

1 Risposta

+2 voti

Un gestore di pubblico servizio non è, in quanto tale, sottoposto alla normativa sulla fatturazione elettronica.

Non è però neanche automaticamente escluso: se una pubblica amministrazione gestisce direttamente un servizio pubblico ovviamente deve ricevere necessariamente fatture elettroniche.

Ragionevolmente gli enti classificati sull'Indice delle pubbliche amministrazioni come "Gestore di pubblico servizio" dovrebbero essere esclusi dall'obbligo di fatturazione elettronica, e infatti in nessun caso AGID ha attribuito loro automaticamente un ufficio di fatturazione. 

Ma mi risulta che la classificazione su IPA venga inserita dall'ente stesso.

Non ritengo pertanto che la presenza su IPA in qualità di Gestore di pubblico servizio possa dare la certezza di esclusione dal'obbligo.

Appare opportuno controllare, in caso di dubbio, la Circolare interpretativa del Ministero dell' Economia e Finanze numero 1/DF del 9 marzo 2015 emanata per chiarire i numerosi dubbi in merito.

risposta inviata 28 Aprile 2015 da Gianlazzaro Sanna (30,790 punti)
Grazie...la circolare non cita esplicitamente tale tipologia, ma ritengo la sua risposta come la più plausibile. In assenza di servizi di fatturazione, manderemo fattura cartacea e gestiremo gli eventuali "rifiuti" con un approccio "try and error":-)
Inoltre occorre osservare che in caso di obbligo di fatturazione elettronica il gestore avrebbe dovuto comunicare ai suoi fornitori le informazioni necessarie, innanzitutto il codice univoco ufficio da indicare obbligatoriamente nella fattura elettronica