Fatturazione Elettronica

+1 voto
3,222 visite

Fattura scartata dallo SDI

Una fattura scartata dallo sdi , viene considerata emessa e quindi deve andare in conservazione sostitutiva ? oppure viene considerata non emessa e puo' essere reinviata con lo stesso numero (dopo aver corretto gli errori dello scarto) e solo quest'ultima , formalmente corretta , andrà in conservazione ?
quesito posto 24 Giugno 2015 in Fatturazione Elettronica da Rg (240 punti)

2 Risposte

+1 voto
Risposta migliore
Integro la trattazione completa di Tommaso Del Lungo con una risposta secca al caso specifico presentato nella domanda:

le fatture scartate dal SdI si considerano non emesse, non sono soggette all'obbligo di conservazione e possono essere riemesse, dopo la correzione, con la stessa numerazione, con l'accortezza di modificare il progressivo di invio al SdI.
risposta inviata 24 Giugno 2015 da Gianlazzaro Sanna (30,790 punti)
Selezionata 24 Giugno 2015 da Rg
0 voti

Buongiorno Roberta anche a lei segnalo la risposta già data da Gianlazzaro Sanna qui

http://rispondipa.it/344/come-ci-si-comporta-nel-caso-di-fatture-rifiutate-dalla-pa

In aggiunta, vista la specificità della sua richiesta aggiungo alcune note rinvenute in rete. Nella comunicazione tra fornitore e SDI si possono verificare due casi di rifiuto:

1) Ricevuta consegna + Scarto da parte della PA (es. cig errato oppure altro errore in fattura)
2) Notifica di errore immediata (es. codice destinatario non valido, codice fiscale rappresentante non valido)

Nel primo caso il sistema SDI resetta ogni volta tutti i dati delle fatture ricevute e scartate, tenendo registrato solo il numero d'invio. Da qui la possibilità di ri-emettere stessa fattura (scarta, rifiutata e poi corretta) verso la PA. Può essere Ri-emessa con la stessa data e numerazione a patto di modificarne il numero d'invio.
La Nota di Credito verso la PA va emessa solo nel caso la PA abbia accettato la fattura e poi in secondo momento richiesto modifica della fattura (quindi dopo la chiusura del ciclo di vita della FatturaPA nel sistema SDI).
Invece nel caso il cedente abbia già contabilizzato la FatturaPA e ricevuto poi uno scarto o rifiuto, potrà emettere una nota di variazione o una nota di credito interna senza inviarla alla PA in quanto non necessario essendo, per la PA, quella fattura mai contabilizzata ed anche se ricevuta poi rifiutata.

Nel secondo caso la fattura non è tecnicamente nemmeno arrivata allo SdI, quindi si può correggere e reinviare (ovviamente dipende dai sismi informativi che si usano)

risposta inviata 24 Giugno 2015 da Tommaso Del Lungo (4,420 punti)
Integro la mia risposta segnalando un'altra domanda che potrebbe essere utile
http://rispondipa.it/301/nota-credito-su-fattura-scartata-da-pa