Fatturazione Elettronica

0 voti
138 visite

Fatture elettroniche respinte tempestivamente e registri Iva

Ciao secondo voi la fattura elettronica tempestivamente respinta, cioè entro 15 giorni dalla ricezione, va comunque registrata obbligatoriamente nei registri Iva ? Se così fosse, anche  a fronte di una fattura elettronica respinta tempestivamente,   sarebbe comunque sempre necessario chiedere al fornitore l’emissione di una nota di credito elettronica e successiva nuova fattura. Si accettano opinioni, link a circolari dell’Agenzia, riferimenti normativi e quant’altro. Vi stimo
quesito posto 27 Novembre 2015 in Fatturazione Elettronica da Giorgio (430 punti)

1 Risposta

+1 voto
Risposta migliore
Il rifiuto della fattura da parte della PA dovrebbe corrispondere ad una sorta di disconoscimento per insussistenza del credito, cioè dovrebbe significare che la fattura non è diretta al destinatario corretto oppure che non è giustificata da un contratto o un ordine.

Invece non parrebbe corretto, come invece accade, rifiutare la fattura nel caso di errori - o presunti tali - in campi non richiesti dal DPR 633 del 1972, come ad esempio: CIG, Contratto, Ordine,ImportoTotaleDocumento, oppure nel caso che sia stato fatturato un numero di prodotti maggiore di quello effettivamente fornito.........

Pertanto normalmente non appare logico registrare in contabilità una fattura rifiutata.

Appare in ogni caso opportuno chiarire al fornitore nelle note alla notifica di esito negativo, proprio perché la scelta non è obbligata, se la nota di credito è richiesta oppure no.
risposta inviata 27 Novembre 2015 da Gianlazzaro Sanna (30,790 punti)
Selezionata 30 Novembre 2015 da Giorgio